SPORT SENZA FRONTIERE

Nel 2009 all’interno dell’Athlion Roma nasce quello che è a tutti gli effetti il “progetto pilota” di “Sport Senza Frontiere”, un progetto voluto dagli stessi fondatori dell’Athlion Roma per l’integrazione sociale e il diritto allo sport. Dal 2010 bambini e adolescenti con disagio economico, sociale, psicologico o famigliare vengono quindi inseriti gratuitamente nel corso di Pentathlon Moderno dell’Athlion Roma. Da questi primi passi (e primi successi) nel 2011 nasce la onlus “Sport Senza Frontiere” che l’Athlion Roma affiancherà come società sportiva di riferimento.

Nell’ottobre dello stesso anno, la neo nata onlus da il via al progetto “La città dello sport senza frontiere”, un polo sportivo solidale in collaborazione con il CUS Roma, dove 50 bambini e adolescenti svantaggiati provenienti dalla periferia di Roma nord, vengono avviati gratuitamente ai corsi di Pentathlon Moderno con l’Athlion Roma, di rugby con il CUS e di calcio con il COR 2005, sotto la guida di insegnanti sportivi, operatori psicopedagogici e mediatori culturali. Oggi la onlus Sport Senza Frontiere è una realtà in espansione, con progetti in tutta Italia.

Ad oggi l’Athlion Roma ha ospitato in questi anni di attività dell’onlus più di 100 bambini. Cosa che la stessa onlus ha riconosciuto all’Athlion Roma, insignita del premio Sport Senza Frontiere 2019 come “Migliore società sportiva”. Un premio che ci riempie di orgoglio e che conferma la qualità sia del progetto della onlus sia dell’Athlion Roma come società sportiva di grande qualità e valori sportivi e morali.